venerdì 30 maggio 2014

Paella valenciana de pollo y cerdo


Adoro viaggiare.
Ogni viaggio è una nuova scoperta. Di me.
Di quanto possa amare luoghi che non avrei mai immaginato.
Di quanto possa ancora confermare l'amore che ho sempre provato per luoghi che già conoscevo.
Dei viaggi adoro le scoperte.
Adoro le novità che portano.
Mi piace immergermi nelle città che visito.
Capire lo stile di vita dei cittadini.
Provare ad essere per poco cittadina di quel luogo anche io.
Mi piace scoprire che sapori provano tutti i giorni, quali sono le abitudini.
Mi piace ritrovarmi ai chioschetti di vin brulé a Vienna, a fine giornata di lavoro.
Mi piace fare il giro di bar de tapas coi madrileni.
Mi piace portare la baguette nel sacchetto di carta come i parigini.
Fermarmi in un pub a Bruxelles e ordinare una Mort Subit.
Di tutti i paesi che ho visto ho la Spagna nel cuore.
L'ho sempre avuta.
Meta del mio primo viaggio all'estero.
Non c'è stato anno in cui una volta non sia andata in una sua città.
Appena ho tempo, mi fisso una città da vedere.
Mi organizzo. Parto.
E così è stato per Barcelona. Per Valencia. Per Menorca. Per Madrid.
Ho imparato tanto da queste città.
Ho imparato che i barceloneti hanno un carattere più freddo e che hai voglia a parlare spagnolo, loro ti risponderanno sempre in catalano.
Ho imparato che a Valencia le persone hanno l'ospitalità dei napoletani.. E ci tengono ad offrirti il caffè, per sapere se è buono come quello di Napoli.
Ho scoperto che Menorca è piccola, selvaggia. Ma bellissima!
Ho scoperto che Madrid non dorme mai.
E che non puoi mangiare la paella a Madrid.
Sarebbe come chiedere una pizza a Milano.


Quando a Valencia ordinammo una paella, ci arrivò in tavola una cosa che ci stupì molto: una paella senza mariscos (frutti di mare), peperoni e tutte le altre verdure che abitualmente siamo portati a pensare quando parliamo di paella. Quella era di carne, sola carne, di pollo e coniglio, con taccole e fagioli. Chiedemmo spiegazioni e ci fu risposto che la paella valenciana è quella e che avremmo dovuto chiedere la paella mixta o quella de mariscos, se la volevamo di pesce.
L'abbiamo mangiata. Tutta. Ed è finita in pochissimo tempo.
La ricetta che vi propongo l'ho tratta da un libro di cucina valenciana acquistato in quel viaggio. Ho fatto qualche variante, come mio solito. Ad esempio, ho sostituito il coniglio (che non mangio) con il maiale, le taccole (che non trovo facilmente qui) con i fagiolini e i fagioli piatti con fagioli cannellini.

INGREDIENTI per 5 persone (ricetta tratta da Cocina Tradicional Comunidad Valenciana)
500g pollo tagliato a pezzi
500g luganiga di maiale
4-5 pomodorini
400g fagioli già cotti
200g fagiolini
400g riso
acqua (1 litro più o meno)
1 bustina di zafferano
olio extravergine d'oliva

PREPARAZIONE
In una padella ampia (io ho utilizzato una padella di alluminio. Avevo comprato anche la paellera, ma mia madre ha la mania di impacchettare tutto e chissà dove l'ha messa) riscaldare l'olio. Quando è caldo unire le carni e lasciarle rosolare per bene a fuoco lento, finché la carne sarà ben dorata. Unire il pomodoro tagliato a pezzetti, i fagiolini spuntati e i fagioli, mantenendo lo stesso fuoco. Unire il riso, rosolare e lasciare cuocere aggiungendo l'acqua poca alla volta, unendo anche lo zafferano. Lasciare cuocere finché il riso sarà morbido e l'acqua tutta asciugata, aumentando la fiamma a metà cottura. Spegnere il fuoco e lasciare riposare per qualche minuto prima di servire.

Con questa ricetta salgo sul pulmino della via dei sapori con Arianna e Serena, che questo mese percorre la Spagna


E al Gluten Free (Fri)day

I Love Gluten Free (FRI)DAY – Gluten Free Travel & Living

13 commenti:

  1. Beh ma che buonaaaaa... ti è venuta una meraviglia =)

    RispondiElimina
  2. ma dai che buona la paella paola!!! la spagna è tutta un incanto!
    ti abbraccio e buon weekend :*

    RispondiElimina
  3. Che bel racconto accompagna questa ricetta! Felice di averti a bordo per la nostra via dei sapori!

    RispondiElimina
  4. Bellissima ricetta e..che dire...condivido tutto ciò che scrivi in merito al bello del viaggiare e della Spagna :-). Io non ho visitato molti posti come te ma pian pianino, chissà...!!! Quest'anno? Hai già deciso la meta??? :-) Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. Potrei scrivere le stesse cose sull'amore per i viaggi, arrivata a maggio scalpito perchè mi manca fare la valigia e sento il peso della stanchezza, desiderando che agosto arrivi in un attimo... c'è ancora da pazientare e capire la meta, per un attimo c'è stata in ballo proprio la Spagna, sai? Non ci sono mai stata e mi vergogno anche a dirlo! Forse però andremo in Grecia, chissà... per una serie di coincidenze che vedremo dove ci porteranno! Ma intanto prendo un piatto colpo di paella, che adoro, e sogno di mangiarla in un locale tipico direttamente sul posto, mentre la gente intorno parla spagnolo, che mi piace tanto... :-)

    RispondiElimina
  6. Ciao Paola! Ti scopro solo ora...hai ricette molto interessanti!! Ti seguo con vero piacere!
    E questa paella è davvero meravigliosa!
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  7. Ciao Paola, ti aspettavo e mi fa piacere che tu ce l'abbia fatta!! :) Condivido le tue riflessioni e quella voglia irrefrenabile di trasformare il turismo in viaggio e assaporare tutto quello che i viaggi e le persone che incontriamo o che ci ospitano sanno darci. Grazie per aver condiviso la tua ricetta e le tue riflessioni. Buon w-end, serena.

    RispondiElimina
  8. che meraviglia questa ricetta e il tuo blog!!!davvero complimenti!un bacio!!!Ilaria

    RispondiElimina
  9. impossibilie vivere senza curiosità e senza paella, ti è venuta benissimo

    RispondiElimina
  10. Ciao Paola :)
    Che bella questa introduzione! Condivido ogni parola, anche se le mie preferenze vanno ai paesi nord e centro europei.... ma sono solo preferenze, anche io amo viaggiare e sono molto curiosa, interessata veramente a capire come vive la gente del posto. Anni fa quando ero in giro passavo più tempo nei musei (ho studiato Arte), negli ultimi anni invece mi soffermo di più nei mercati, nelle piazze, nei vicoli... è lì che c'è il vero animo della città!
    Sono stata varie volte in Spagna e ho assaggiato varie versione della paella, mi piace molto e anche io la faccio ogni tanto, complimenti per questa tua versione!
    Buona domenica
    AngelaS

    RispondiElimina
  11. Sono un pochino assente lo avrai notato... ho giusto il tempo "notturno" di scrivere i post ... Quindi per esempio mi ero persa la nuova impaginazione del blog che mi piace molto!!!!!!! E anche tante ricette nuove che ora devo andare a leggere e copiare nel quadernino delle ricette! Mi aspetta un lavoraccio O_o

    RispondiElimina
  12. Direi che hai volto tutti gli aspetti più belli e importanti del viaggiare e ci credi che mi hai messo una gran voglia? Ah quanto mi piacerebbe poter fare la valigia, infilarci l'essenziale e partire, proprio adesso :) Ma mi per ora mi devo accontentare della tua paella, che mi ha fatto sognare per qualche minuto, portandomi in Spagna...ehhhh!!!!!!! Ha un aspetto fantastico ;)

    RispondiElimina
  13. Io la preparo spesso in estate, ma di solito solo di pesce.....devo provare con la carne!!!
    Un abbracciotto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...